intervista all'autore - ilfigliononvoluto

Vai ai contenuti

Menu principale:

autore
Associazione Culturale Unicamilano
Intervista a Claudio Crepaldi


Uno scrittore che ha da studiare e imparare. Perché si definisce così ?
Scrivere un racconto o una storia non è facile, non basta scrivere quello che si pensa, un libro deve far emozionare, deve coinvolgere nella tua storia  il lettore e questo non è facile. Solo continuando a scrivere e leggendo tantissimo ci si riesce, solo allora puoi dire di essere scrittore.
Non ha pretese di aver successo scrivendo. E se arrivasse ?
Se arrivasse il successo sarebbe una grande soddisfazione personale, vorrebbe dire che hai centrato il tuo obbiettivo, quello di far riflettere tante persone, non certo per la notorietà.
Il libro è il ricordo di un grande amico. Può parlarne brevemente ?
Non vorrei parlarne, il libro vuol essere solamente un monito a tanti genitori e a tanti figli
C’è un filo sottilissimo, secondo lei, tra sogno e realtà e l’equilibro serve a non cadere dalla parte sbagliata. Qual è la parte sbagliata ?
La parte sbagliata è non perdonare
Alessia è lo pseudonimo da lei utilizzato. Perché ?
A me non interessa diventare conosciuto, mi interessa solo che il libro venisse letto, che il mio motto arrivasse a destinazione.
Milano le conferisce un riconoscimento importante. Ritiene sia una città unica ?
Milano è una città unica, una città importante per l’Italia
Il sesso come droga è uno degli elementi del racconto.Perché per lei le persone cercano questo tipo di rapporti ?
Per disperazione forse per sentirsi superiori, per evadere da una vita che non ti piace.
La fede è un miracolo – lei scrive. Lei ci crede ?
Si ci credo la fede è un miracolo, sempre se esistono i miracoli
A quali autori si ispira quando scrive ?
A nessun autore, ho scritto una storia e tutto finisce lì
Nel suo futuro letterario, vi sono altri progetti in cantiere ?
Scrivere è uno sfogo, una riflessione, un modo di parlare con tanta gente anche con chi non conosci, si sto continuando a scrivere racconti e poesie
Oggi quanti figli non voluti esistono al mondo, secondo lei ?
Ancora troppi, troppi figli non voluti nel mondo

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu